Giochi da fare col proprio ragazzo ragazzi in cerca di ragazze

giochi da fare col proprio ragazzo ragazzi in cerca di ragazze

Io mi sentii subito eccitato, stavo facendo un compito, ma dissi: - Che puzza! Pensavo alle persone che erano lì in quegli anni, ai bambini, chissà quanta paura! Oggi lo puniremo così tutti insieme, e vi assicuro che vi divertirete molto di più, come mi diverto io! Anzi, stanotte te lo faccio vedere il mio, come è diventato grosso, lungo e sempre duro. Ad un certo punto, non resistetti più ed una gocciolina di pipì, fuoriuscì dal mio buchino, sebbene stretto tra i suoi due diti dei piedi, tenuto come una sigaretta. Mi lamentai, anche se mi piaceva tanto, che mi scappava sempre pi? forte la pip?, e lui, duro e prepotente, mi ordin? di trattenerla ancora, e mi disse che mi avrebbe aiutato col suo piede: infatti, prese. A sentire questo gli altri ragazzi si sorpresero assai, e dissero che anche se ero suo fratello, mi dovevano pestare ed umiliare a dovere, essendo un finocchio, perché questa era la lezione che meritavo. Poi, però, lo deve fare anche a te, come lo fa tutte le notti!

Dovete sapere che è diventato il mio schiavo e deve fare tutto quello che io gli ordino. Inoltre gli erano cresciuti, aveva 16 anni e portava già il 45 di piede! E oggi ti darò un premio: ti ricordi da piccolino, quando avevi 2 anni, quanto ti trastullavo il pisellino coi miei piedi? Essendo nata e cresciuta al Sud Italia questa cosa non mi doveva meravigliare. Io gli avevo fatto un ottimo lavoro: i suoi piedi erano puliti come non li aveva mai avuti. Finalmente ti sei deciso a usarlo come si deve il tuo uccello! Finsi di continuare a dormire perché mi piaceva sempre di più, mentre mio fratello, oramai, si divertiva come un matto col mio pisello, che si era rizzato, ed usciva di nuovo dalle mie mutandine. La prima volta, a 2 anni, mi era stato tolto il pannolino dai miei genitori per il controllo sfinterico, ero un bambino gi? allora molto intelligente e precoce, per cui, la notte i miei volevano provare a farmi dormire. Mi hai sbrodolato tutto sui piedi, che schifo!

La mattina dopo, stessa cosa, Andrea disse alla mamma, che tanto ero un deficiente e mi ero fatto la pipì addosso; la mamma stavolta, anche se bonariamente mi sgridò, e raccomandò ad Andrea di controllarmi, e magari di svegliarmi e farmi fare pipì nel vasino. E mi lasciò lì sdraiato e mezzo svenuto dal piacere e dalla vergogna e si andò ad asciugare i piedi bagnati dal mio sperma col mio asciugamano per il viso. E Andrea, il tuo fratellone ti farà un altro regalo: oltre che annusare i miei bei grandi piedi puzzolenti, dovrai lavarmeli! Trattenni quanto più potevo, anche perché in realtà, sentirmi toccare dal suo piede la punta del pisellino mi dava piacere e mi sollecitava la pipì, che oramai mi scappava fortissimo. Quella prima notte, nel mezzo della notte, mi svegliai e chiamai Andrea, per fare la pip?; mio fratello mi disse di provare a trattenerla ancora un po, e poi, col piede nudo, inizi? a cercare il pisellino. Le case erano chiaramente abitate da tempo, anche se senza intonaco e rifiniture esterne. Nello stesso tempo, però, si vedeva anche la voglia di ricostruire e ripartire. Mio fratello, appagato, se ne accorse; aveva ancora il cazzo bagnato, ma restava duro, turgido e ritto, come se non avesse eiaculato. Iniziai a piangere, dicendogli che dovevo fare pipì, e allora, come la sera prima, i suoi piedi mollarono il pisellino ed io urinai nelle lenzuola. Continua, dolce maialino, annusa bene la puzza dei piedi di tuo fratello, che cos? tanto ti piace, dai, e sniffa bene tra i diti: senti come sudano e puzzano stanotte, ? tutta per te questa puzza; guarda.

Mi misi a piangere perché avevo bagnato per terra, ma lui, divertendosi un mondo, rideva e diceva che ero proprio un deficiente! Guardando i suoi grandi piedi oramai n 47 mi sentii eccitato, accaldato, col pisello ritto e duro, allimprovviso, e capii che desideravo annusare quei piedi sudatissimi, di cui conoscevo lacre odore, dato che non se li lavava. "Si divertì per un po a toccarlo col piede da sopra le mutandine, e ci prese così gusto, divertendosi, che toccandolo e sollecitandolo, questo si indurì.". Ma, mi domando a cosa ti serva? Non è mica finita: devi ingoiare tutto il sudore che cè tra i diti, è sicuramente molto gustoso per te, che sapore ha? Ti ordino di sottometterti da adesso a tutti i miei voleri, e guai a te se questa storia vai a dirla a qualcuno o ai genitori, ti spezzo in due, te li ficco in gola i miei piedi sporchi. E mi concedeva quello che per me pareva un onore, come lo chiamava lui? Ma una notte, mentre dormivo, nel sonno iniziai a sentire un fortissimo cattivo odore sulle narici, cos? forte che aprii gli occhi, e mi trovai vicino al naso i suoi grandi e lunghi piedoni da adolescente; mi guardava.

Giochi, gratis presenta una raccolta di giochi per ragazze : provati, recensiti e descritti in italiano dal nostro staff. Un piacevole passatempo per le ragazze che potranno scegliere tra i tantissimi giochi. Hai gi un account? Usalo per visualizzare qui i tuoi giochi preferiti! Non hai ancora un account? Creane uno per avvalerti di questa funzionalit. Abbiamo migliaia di giochi online per ragazze che ti piaceranno!

Scopri la stilista che c' in te con i giochi di rinnovo del look, i giochi di sfilata di moda e i giochi di bellezza oppure scatenati con uno dei nostri giochi di cavalli o gli altri giochi. Oct 16, 2018 I francescani chiedono i danni a tre frati per un buco da 20 milioni di euro: tre enti dei Frati Minori si sono infatti costituiti parti civili, per il riconoscimento dei danni in caso di condanne. Nov 28, 2018 LItalia non un Paese per figli. Una frase difficile da scrivere. Terribilmente e incredibilmente vera. Fare figli oggi un lusso.

Una biblioteca un servizio finalizzato a soddisfare bisogni informativi quali studio, aggiornamento professionale o di svago di una utenza finale individuata secondo parametri predefiniti, realizzato sulla base di una raccolta organizzata di supporti delle informazioni, fisici (libri, riviste. Nov 30, 2018 Fare le riforme a Roma come pulire la sfinge dEgitto con uno spazzolino da denti. Papa Francesco lo aveva ribadito gi un anno fa, nel corso degli auguri natalizi alla Curia Romana. Il perfido pirata cerca anche di far avvelenare Peter, mentre il ragazzo addormentato; quando si risveglia apprende da Campanellino che Wendy stata rapita. Oct 16, 2015 Da sorellina. A schiava un racconto erotico di kenlee1990 pubblicato nella categoria incesto. I racconti erotici incesto sono tutti inediti.

giochi da fare col proprio ragazzo ragazzi in cerca di ragazze Non lavessi mai detto: Fausto, così si chiamava il compagno di classe di mio fratello disse Ehi, come si permette tuo fratello, che è uno scemo, di dire queste cose a noi, che abbiamo 17 anni! Io, durante gli otto, nove, dieci ed 11 anni, Andrea e 21, continuavo a leccargli e pulirgli i piedi sudati e puzzolenti, quando me lo ordinava, continuava a masturbarsi ogni volta e veniva abbondantemente, e quindi anche a lui piaceva. Non ce la feci a contenermi, nonostante questi dubbi, la mia eccitazione era fortissima, e tremante, lentamente colla mano aprii tra le dita e inspirai: Che beatitudine! Me li fece annusare per unoretta e godetti come un matto, annusandoli da tutte le parti, soprattutto tra i diti, e mi accorsi, che pi? annusavo, pi? i piedi per il caldo sudavano ed emanavano sempre pi? forte quellodore. E lo pestava senza piet?, lo manovrava, lo faceva andare su e gi? spietatamente, tanto che era tutto arrossato ed infiammato e quindi, per il dolore, faceva fatica ad indurirsi, quando, come per miracolo, usc? dal buchino una piccola. Sei del tutto nelle mie mani: tu mi coprirai e non dirai mai a nessuno quello che faccio e che non dovrei fare, e che tu sai, ed io non ti sputtanerò. Obbedii, facendo finta di avere paura, e come se mi facesse schifo davvero, perché a lui questo piaceva molto, e poi non volesse che fosse confermato che mi piaceva davvero. Adesso ho 22 anni, mio fratello 32; per umiliarmi dallanno scorso ha raccontato tutto a sette miei cugini maschi della sua et?, gi? sposati, come ora lo ? lui, e da allora devo farmi punire, nelle. Tutto continuò così per altri due anni, quando io a 16 anni e lui a 26, un giorno era molto arrabbiato con me, perché gli avevo detto che se continuava a farsi di coca il suo cervello si sarebbe spappolato. Fatti togliere le scarpe e le calze, e fatti sniffare i piedi sudati da sotto il tavolo, mentre noi continuiamo a fare i compiti, cos? ci divertiamo un mondo, ma controlla che il sudore e le caccole.

Giochi da fare col proprio ragazzo ragazzi in cerca di ragazze - Giochi per ragazze

Giochi da fare col proprio ragazzo ragazzi in cerca di ragazze Cam versare coppia cam porno ados
Fille nue photo escort st raphael 90
Giochi da fare col proprio ragazzo ragazzi in cerca di ragazze Per la prima volta assaggiai il gusto del sudore dei piedi di un altro ragazzo, e mi piacque davvero tanto: lodore era molto diverso, più dolciastro e nauseante di quello di mio fratello, e il sapore alquanto gustoso, aspro ed acuto, quasi acido. In questa imprevedibile avventura, Om Nom si libera dalla sua scatola e parte per uno stravagante viaggio attraverso lussureggianti foreste, animate città, rottami e tunnel sotterranei, escort sidor stockholm gratis äldre damer il tutto per raggiungere un unico obiettivo: LE caramelle! Colla tua bella linguetta da vermiciattolo, dai assaggia per la prima volta il sapore dei miei piedi, che te ne pare? Disse: - Bravo, sei proprio un ottimo schiavetto leccapiedi, vuol dire che me lo farò fare molto più spesso.
I telefoni di donne single in houston donne alla ricerca di sesso Matteo Salvini incontra il cardinale Burke (giugno 2018). Indispettito, si sfilò di scatto i calzini matidi di sudore e mi ordinò, poggiando i piedi sul tavolino: - Eccoli, sono a tua completa disposizione! Lungo il tragitto, incontra i Nommy, gli assistenti di raccolta caramelle più teneri che un verde mostriciattolo possa mai desiderare! Sin da quando ero piccolo, io 2 anni e lui 12 ? sempre stato geloso di me, perch?, essendo pi? piccolo ero molto pi? di lui coccolato dai nostri genitori, e per questo inizi? gi? quando avevo. I ragazzi incuriositi accettarono che fosse lui a dirigere la punizione e cos? dovetti leccare a tutti gli anfibi sporchi, la cosa li eccit? e divert? assai, poi annusare i loro calzini sudati e i loro piedi sporchi.
La mattina dopo, Andrea, naturalmente non raccontò niente di quello che proprio lui aveva provocato, ma, chiamando la mamma, le disse, che io non lo avevo chiamato e avevo fatto la pipì nel lettino. Fu subito pronto mio fratello, che non vedeva lora di darmi una bella strigliata, e colse loccasione di sputtanarmi col suo amico del cuore. E così dicendo, si aprì la cerniera dei pantaloni, che si era lasciato in dosso, e ne fece uscire un lungo e duro animale, perfettamente in tiro e durissimo. Ma io facevo finta di dormire, avevo capito ed ho provocato tutto per incastrarti: adesso sei nelle mie mani, e se non farai tutto quello che ti ordinò, diffonderò la notizia con un comunicato stampa! Si divert? per un po a toccarlo col piede da sopra le mutandine, e ci prese cos? gusto, divertendosi, che toccandolo e sollecitandolo, questo si indur? di pi? e inizi? ad uscire fuori dalle piccole e larghe mutandine, che indossavo. Fece venire sette suoi amici teppisti a casa, in assenza dei nostri genitori; questi iniziarono a bere, fumare e farsi di coca, e quando anche mio fratello era fatto abbastanza, mi chiamò, davanti a loro: - Fratello finocchio, vieni un po qui! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Aggiunse Fausto, che era molto incuriosito e voleva vedere.

Giochi mobile: Giochi da fare col proprio ragazzo ragazzi in cerca di ragazze

Iniziai a mugolare nauseato dal fortissimo odore puzzolente, che usciva dai suoi piedi, e cercai di liberarmi, ma lui, con dura violenza, mi tenne ferma la testa col piede e continu? a farmi sniffare bene, dicendomi: -. Cerano ancora chiari ed evidenti i segni di una guerra non tanto lontana. Naturalmente dovetti stare completamente nudo davanti a loro, che mi deridevano per la piccola misura del mio uccello, poi videro che mi si induriva mentre sniffavo e leccavo i loro piedi sudati e puzzolenti, ed andarono in visibilio. Dai che ti piace! Dai inizia subito, e fai un bel lavoretto, mia madre domani deve credere che ho lavato i piedi, da come tu li renderai puliti colla tua lingua. Giuro Disse Fausto, incuriosito ed eccitato dalla cosa. giochi da fare col proprio ragazzo ragazzi in cerca di ragazze

La cosa mi piace molto, ma nel contempo sono nelle loro mani, e hanno detto che lo racconteranno ad altri loro amici maschi, e questi, incuriositi, vogliono farselo fare ancora da me! Se qualche ragazzo, anche in gruppo volesse provare a farsi leccare i piedi per la prima volta o volesse vivere questa esperienza con me e le altre cose che ho scritto, può contattarmi subito a email protected e sarò felice di accontentarlo o accontentarli in gruppo. Cos? mi disse con voce prepotente, e mi accorsi, che annusando quel forte odore di sudore maschio, il mio pisellino stava crescendo e si induriva, sebbene avessi solo 5 anni, e man mano cominciava a piacermi annusare i piedi. Questo mi inquietava molto. Invece mio fratello, era da poco arrivato a letto, un po bevuto e fatto di canne, e si era addormentato semivestito, senza le scarpe e le calze.

Che tu sia diventato un uomo, anziché una femminuccia come sembri! Non osare nemmeno, sniffa e zitto e godi, ? proprio un buono odore quello dei piedi sporchi di tuo fratello, che non ha voglia di lavarseli mai, e la mammina lo sgrida, perch? la puzza si sente anche uscire. Le bravate di Om Nom continuano in Cut the Rope 2! Gli disse Devi sapere che a mio fratello piace molto leccare i miei piedi sporchi e sudati, e tutte le notti mi rende omaggio alla mie fettone. Continuò a dire, molto ubriaco e fumato. Non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza! Hai provato piacere, vero? E troppo bello, che sembra quasi un sogno, e spero non finisca mai! Passarono altre notti, io speravo che Andrea ritoccasse il mio pisellino, perch? mi piaceva sempre di pi?, ma lui non fece pi? niente, mi faceva alzare, quando lo chiamavo per dirgli che mi scappava la pip?, me la faceva.

Dormivamo sempre assieme, e lui, da adolescente comera, non badava più a me e si faceva gli affari suoi. Allora, da cattivo, Andrea, mollò il pisellino, allargando i diti che chiudevano il buchino tenendolo chiuso e stretto, e la pipì uscì e bagnò tutte le lenzuola. Un giorno, avevo 14 anni, e lui 24, lavorava come operaio in una fabbrica e tornava sempre a casa stanco, incazzato e sporco e sudato, e se la prendeva con me, e si faceva leccare e massaggiare i piedi sporchissimi. Infine mi legarono in piedi ad un letto e coi piedi, sotto la direzione di mio fratello, mi masturbarono per undici volte senza piet?, masturbandosi anche loro mentre lo facevano a me coi piedi, fino. Come vi ho raccontato ieri, il primo giorno di viaggio, per sbaglio e per errore, abbiamo visitato un pezzo dellentroterra della Croazia. Facciamo uneccezione, ma tu devi mantenere il segreto cogli altri nostri amici! La parte più rurale e meno turistica, quella fatta di case con le facciate ancora crivellate dai colpi della guerra, alternate a case in costruzione con i mattoni rossi a vista. La notte stessa, mi addormentai, ma dopo un po fui risvegliato dal contatto di tutti e due i piedoni di mio fratello, che ancora cercavano ed armeggiavano il mio pisellino morbido e in riposo, sotto le mie lenzuola, per. E cos? dicendo, mi tocc? coi piedi il pisello gi? durissimo, lo trastull?, lo titill?, lo masturb?, facendomi, per la prima volta in vita mia, provare piaceri ancora sconosciuti; il piacere a quel contatto aument? sempre di pi? fino.

Devo dire che, allinizio restai sconcertato da quello che aveva detto mio fratello: non avevo mai pensato di leccarli, n? tantomeno di nettarli colla lingua, ingoiando lo sporco, e un po mi faceva schifo, ma quando, di malavoglia. Ad un tratto sentimmo un rumore di chiavi, erano i nostri genitori, che tornavano, e corremmo tutti e due per farci trovare in una posizione che non desse sospetto, Andrea si rinfil? le calze e gli anfibi. Li dissi che erano asini e che io sapevo già fare molto bene le moltiplicazioni. Marco ci ha tempestati di domande sul perché di quella guerra. E amaro, dolce, o salato? La notte dopo, stessa cosa del titillamento del mio pisellino coi suoi due piedi, mio sempre più grande piacere e poi lo scapparmi forte la pipì. Questa cosa la ripeterono tantissime volte, ci avevano preso proprio gusto, tanto che mio fratello non mi puniva quasi mai più da solo, se non raramente, perché o tutti insieme o con qulcunaltro mio fratello si faceva sempre sollazzare insieme. In alcune zone del Mezzogiorno non è raro trovare case perfettamente arredate allinterno, ma senza intonaco allesterno.

Pensai che tanto Andrea, dormiva come un sasso, era bevuto e fumato, e che se avessi fatto pianissimo non si sarebbe accorto di niente, bastava solo avvicinarsi col naso e annusarli solo un momento per sentirmi estasiare dallodore. Così fino alla fine. Soddisfatti, mi presero a calci e continuarono a bere e a fumare. Muoviti, vieni ad annusarli, tanto lho capito che non ti dispiace, dai vermiciattolo, striscia e vieni ad annusarli, tanto non ti salva nessuno, siamo soli in casa, e poi ti piace. Anche lui venne di nuovo, masturbandosi e vedendomi così infoiato dai suoi piedoni. Il mio cazzetto era così duro, come non lavevo mai avuto.

Oggi ci divertiamo proprio a dovere, che bella idea divertente, sei proprio forte! Sì, dai, ci sto! Stavolta per? mio fratello, mi fece alzare ed invent? un nuovo gioco, io tenevo il vasino, lui col piede teneva tra i diti il pisello, e mentre mingevo per urinare, lui mi faceva andare su e gi? Continua a leggere, facebook 0, google 0, twitter email, print. Mia madre non mi sgridò, benevola, essendo la prima volta, ma mi ricordò che la prossima notte, quando avessi sentito che mi scappava la pipì, avrei dovuto ricordarmi di dirlo ad Andrea, per farla nel vasino. Un piacevole passatempo per le ragazze che potranno scegliere tra i tantissimi giochi online proposti. Maiale finocchio di mio fratello! Giochi Gratis presenta una raccolta di giochi per ragazze: provati, recensiti e descritti in italiano dal nostro staff.

Hai 14 anni, non hai una fighetta da chiavare, sei proprio un lurido finocchio, ed in più ancora non sborri, sei sempre asciutto come una stecca acida! E detto questo, si girò nel letto e si mise a dormire. Finito tutto, mi disse: - Guarda, che anche se sono un po ubriaco e fumato, quello che ti ho detto rimane valido: tu non dirai mai niente ed anchio manterr? il segreto, sar? un segreto tra. I due si divertirono così tanto, e si eccitarono, che per primo fu mio fratello a tirarsi fuori luccellone e a menarselo, subito imitato da Fausto, che aveva un pisello meno lungo, ma più largo e grosso. Sai, ti devo confessare un segreto. Potrebbe oggi assaggiare anche i tuoi piedoni n 46, che si sa, puzzano molto, perché anche tu non ami lavarteli! Una notte destate caldissima, non riuscivo a prendere sonno, e mi agitavo nel letto, tutto sudato ed accaldato. Fu lunica volta, purtroppo, e la cosa non si ripetè più.

Eiaculò abbondantemente per primo Fausto, che era il più eccitato dalla novità, e notai che non schizzò, come mio fratello, ma gli uscì la sborra colando lentamente lungo tutta lasta. Da allora, oltre che godere a farsi leccare e annusare i piedi sporchi, sembrava divertirsi immensamente di pi? a vedermi sborrare, con un gemito femmineo, diceva lui, masturbandomi coi suoi piedoni, e non aveva piet?, appena venivo. Giocato 3910 volte, fantastico! Disse Fausto entusiasta della nuova trovata. Passarono tre anni; io avevo 5 anni e lui. Rimase fermo come una statua di marmo; lui finalmente apr? la bocca, sussurrando con aria perversa e sadica: - Fratellino maialino, allora avevo ragione ad aver capito che ti piace proprio tanto annusare lodore dei miei piedi sudati, tanto. Eppure in Croazia ho respirato unaria diversa. Tanto tempo lo tortur? che divenne rosso ed infiammato, ma duro e lungo, ed il piacere che sentii mi provoc? lo scappare della pip?; allora, fingendo di svegliarmi in quel momento, lo chiamai e gli dissi che. Ma non collacqua, caro mio, no! Con aria schifata, ma sapevo che questo avrebbe provocato una sua reazione che desideravo, visto che eravamo da soli, in casa.

Altre notti, mi svegli? coi piedi sporchi sulla faccia, e me li faceva annusare quando, diceva lui, erano pi? sporchi e sudati, se era stato in palestra o era andato a correre o nei mesi in cui. E sghignazzò, divertendosi come un matto allidea di mio fratello. Infine tutto si trasform? in unorgia: i ragazzi si tirarono fuori i cazzoni ben in tiro, perch? la cosa li aveva molto eccitati, e per la prima volta dovetti fare un pompino collingoio a tutti, e, cosa pi? umiliante. Chissà che bel piacerino ti avrò fatto provare così da piccolo, ecco oggi che hai sette anni, proverai molto più piacere, vieni qui! Un conflitto che ha sicuramente lasciato un segno profondo. Dormivo in camera insieme a mio fratello, e a lui, grande e dodicenne venni affidato perché mi controllasse e mi facesse fare la pipì nel vasino, quando gli dicevo che mi scappava. Stavo morendo dal piacere, e piano piano aprivo tutti gli spazi tra i diti e annusavo e mi inebriavo sempre pi?; ma ad un tratto alzai lo sguardo, e vidi mio fratello, che colle braccia dietro la testa.

Ma a tante domande, ahimè, non ho saputo dare risposta. Nei giorni e negli anni che seguirono mi ricattava continuamente, dovevo coprire e nascondere tutte le sue cattive imprese che faceva con i suoi compagni teppisti, lui minacciava di raccontare quello che cera tra noi ai genitori. Godi, godi, annusa e ammira, fratellino cretino! Perché non gli diamo una bella lezione, come si deve? Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto. Continua a leggere, facebook, google, twitter email, print. Io mi sentivo confuso, impaurito e felice, ero in un mare di contraddizioni: adoravo mio fratello, era molto bello per me, mi eccitava essere sottomesso ai suoi voleri, i suoi piedoni mi piacevano, mi piaceva il loro odore. Ero più che eccitato! E quelle facciate crivellate mi hanno parecchio amareggiata.

Se lo avesse detto ai nostri genitori, o magari a qualche suo amico, che di solito circolava per casa, ed era un teppistello come lui? Mi avrebbero sputtanato davanti a tutti, e la mia dignità? Solo a 6 anni, io e 16 lui, un pomeriggio, che eravamo soli in casa, era estate e faceva un caldo afoso, annoiato, si tolse gli anfibi, che portava anche in estate, come era di moda tra i giovani. Solo che stanotte è una notte speciale. Sentii che buon odore di piedi sudati ha tuo fratello grande; godine e annusa bene! Mio fratello dormiva sodo, controllai, e avvicinai il naso ed inspirai lodore forte nelle mie nari: fu un godimento immenso, il mio pisello si rizz? immediatamente ed usc? dalle mutande; continuai a sniffare, e mio fratello a ronfare. Con personaggi, missioni insidiose ed elementi di gioco tutti nuovi, stai sicuro che raccogliere caramelle non è mai stato così divertente!

Ti piacciono, sono gustosi? Mio fratello si chiama Andrea, ha dieci anni più di me, è alto, capelli ricci neri, occhi azzurri e perversi, porta il 47 di piede, è duro e prepotente, un vero bullo. Una volta successe una cosa particolare, ancora quando Andrea aveva 17 anni ed io 7, e da poco era iniziata la nostra tresca segreta; aveva invitato a casa un suo compagno di scuola molto carino, macho e biondo, coi capelli. Guarda e ammira che fette grandi ha tuo fratello, che grossi ditoni; sono grossi come il suo uccello, magari un giorno te lo faccio vedere, rispetto al tuo che ? piccolo da fare schifo, e non diventa. Ma mio fratello, per salvarmi dal pestaggio, fu molto astuto, e disse: - Mica vorrete riservare un trattamento come gli altri al mio fratellino adorato: per lui ho riservato una punizione speciale, che gli somministro a dovere. Mentre in Vaticano si svolgeva lultima sessione del Sinodo sui giovani presieduta da Papa Francesco, a poche centinaia di metri da quellaula, affollata da cardinali e vescovi provenienti da tutto il mondo, il cardinale americano Raymond Leo Burke, esponente di spicco. Se avesse scoperto che stavo facendo quello che lui di solito mi ordinava, quando lui ne aveva voglia, e che facevo finta di fare controvoglia e nauseato, cosa avrebbe detto? Passò ancora un anno, io avevo 7 anni ed Andrea. Mio fratello se ne accorse ed intanto incominci? a menarsi luccello, prima con movimenti lenti, poi sempre pi? velocemente, tanto che divenne frenetico, inizi? a gemere e a contorcersi, ed esplose con un getto lungo e in varie.

Commenti Del Lettore

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *